L’accesso ai dati

La gestione dei dati sicuramente ha rappresentato e rappresenta ancora oggi una delle attività di maggiore interesse nel settore informatico. In quest’articolo introdurremo alcune tecnologie per interfacciare un’applicazione con una base di dati sfruttando le funzioni messe a disposizione da Visual Basic.

Le applicazioni per la gestione dei dati, rappresentano attualmente una buona fetta del mercato informatico, l’avvento di nuove tecnologie, in concomitanza con l’evoluzione dei supporti di memoria di massa, hanno dato vita a nuovi modelli di accesso ai dati, migliorandone la gestione ed ottimizzando in generale ogni aspetto inerente l’argomento. I linguaggi di programmazione odierni hanno seguito di pari passo l’evoluzione di tale campo, in particolare Visual Basic consente diverse modalità di gestione sino all’implementazione della innovatissima interfaccia ADO (Active Data Object). Diamo ora un’occhiata a quello che l’informatica in quest’ultimo decennio è stata in grado di realizzare.

Microsoft Jet DataBase Engine e Dao.

Il Jet DataBase Engine è l’implemetazione da parte di Microsoft di un modulo di accesso ai dati utilizzato sia da Visual Basic ma anche dalla maggior parte dei prodotti della famiglia Microsoft. La stesura di applicazioni che utilizzano questo modulo, permette l’accesso con diverse tipologie di DataBase come per esempio per quelli della famiglia ISAM (FoxPro, Paradox, dBase) o anche con quelli con estensione MDB, cioè quelli gestiti da Microsoft Access, o ancora con fonti di dato ODBC. Visual Basic permette di adoperare tale tecnologia implementando in particolare un controllo denominato Data Control, capace di stabilire una connessione con il Db in questione, ed effettuare le normali operazioni di aggiunta, upgrade, cancellazione ecc.. L’ultima release di Visual Basic , ovvero la 6.0 utilizza la versione 3.51 dell’engine che risulta, rispetto ai suoi precedessori, più veloce. Migliorandone notevolmente le funzioni di cache e di buffer; ciò nonostante Jet ancora oggi risulta un motore capace di gestire appieno le funzionalità del multitasking, privando, ogni suo utilizzatore, della costruzione di un server a componenti distribuiti. DAO acronimo di Data Access Objects in un certo senso è una sorta di “collante” per il motore Jet, capace di agiungere ua certa duttilità allo stesso. DAO consiste in una collezione di oggetti in grado di offrire allo sviluppatore un’interfaccia ad oggetti per l’accesso ai dati. Così come richiesta nella filosofia degli oggetti, ogni oggetto della suddetta interfaccia gode di proprietà e metodi capaci di far eseguire determinate azioni all’oggetto in questione. I principali oggetti della collezione sono elencati nella seguente tabella:

 

Oggetto Descrizione
DataBase Specifica il database in uso
TableDef Racchiude le informazioni sulle tabelle, campi, dimensioni, indici
RecordSet Rappresenta una vista logica di una query di selezione
Relation Mantiene il rendiconto delle relazioni logiche dele entità del database
Index Consente l’indicizzazione delle tabelle
QueryDef Definisce e memorizza query SQL

 

Procediamo ora con la realizzazione di una semplice applicazione capace di interagire con un database formato MS Access. La connessione sarà affidata ai componenti Ms Data Control mentre la visualizzazione dei dati verrà effettuata mediante il componente Ms Data Bound Grid Control. La prima cosa da fare è preparare Visual Basic alla creazione di un nuovo progetto eseguibile, fatto questo dalla finestra “Componenti” selezioniamo il componente Data Bound Grid Control 5.0. Successivamente posizioniamo i due controlli (Data Control e Data Bound Grid Control) sul form. La prima cosa da fare è informare il Data Control del tipo di Database che si intende adoperare; la proprietà “Connect” permette la selezione di diversi formati (per default Access), mentre la proprietà “DataBaseName” permette di specificare il percorso fisico dove risiede il Database. La proprietà “RecordSource” si occupa di definire la tabella di riferimento. Per popolare la griglia con i dati specificati tramite il Data Control, basta associare alla proprietà DataSource della stessa li nome associato al Data Control (per default Data1); Se ora provate a lanciare la “mini-applicazione” ecco comparire i dati della tabella specificata, nella griglia. L’implementazione appena visionata risulta abbastanza semplice ed intuitiva nella realizzazione, grazie all’uso del componente Data Control il tutto avviene in modo del tutto “indolore”. Esaminiamo ora, con maggior dettaglio e senza far uso del componente, l’interfacciamento ad una base di dati. La prima cosa da fare per utilizzare la libreria Dao 3.5 da Visual Basic è referenziarla nel progetto (selezionare la voce progetto e da questa “Riferimenti”, selezionare dalla listbox la voce Microsoft Dao 3.51 Object Library).

Both comments and pings are currently closed.

Comments are closed.